laura-makabresku_14Nella notte aveva accolto le lusinghe ed era stata felice. Quella luna sempre lì, sullo stesso davanzale di vita ormai muta/immutabile. Lei e quelle sue bellezze che sole si sistemano come devono. Le era stato detto di quanto fosse speciale, nella notte mentre il fiato di tutti si liberava. Immobile a guardare quella faccia complice e scomposta di emozioni. Per prendersi l’esistere e non pentirsi mai, ancora una volta, di nulla.

Annunci